Adels-Storia, Digital Library

Storia completa della famiglia dei Baroni di Elverfeldt

Elverfeldt-Wappen

La linea si estende a partire dalla campagna 1138 fino ad oggi dimostrano una sequenza ininterrotta. I baroni di Elverfeldt disceso dal Edelvögten Colonia e che in particolare di quelli, il nome di Heppendorf led.
Heppendorf come il luogo è stata fondata da un Eppo o Heppo e fa il suo debutto nella Carta conferma della fondazione del convento Füssenich dal Papa Adriano VI. im November 1157 prima.

Padrone di casa per Heppendorf era il St. Gereon pin a Colonia. Come un cognome Heppendorf arriva ma già molto prima e che 1126 prima, come Sicco di Eppendorph su 9. Febbraio è elencata come testimone sulla punta dei ministeriali penna Colonia. Per il collegamento genealogiche è uno strumento importante, attraverso la quale l'Arcivescovo Philip I. di Colonia, Cologne City Baliaggio, è stato assegnato ogni anno a Margaret duro, l'allora Vogt Gerhard Ritter di Eppendorp come un possesso ereditario premiato. Questo documento è l'unico, indicando il cognome di Colonia giudiziario.

Als Begründer des Geschlechts gilt Hermann I. von Heppendorf (gen. 1119-1120) Poiché l'anno 1138 è suo figlio Hermann II. chiamato in molti episcopale emesso certificati e su 13 Luglio 1139 questo è stato trasferito Colonia Vogteil, una responsabilità che gli è stato affidato nuovamente jast ogni anno. Era da tutti Cologne Stadtvögten primo, che il titolo “Edelvogt” inserito. Infine, Hermann 1159 dopo la morte dell'Arcivescovo di Colonia Federico II. e prima della elezione del successore Reinald nei documenti. Da allora, ogni traccia di lui manca. Hermann ha lasciato tre figli:

  1. Gerard I. von Heppendorf (1147-1190) Edelvogt von Köln, probabilmente è morto a Napoli in una malattia del male. Ha lasciato alle spalle 5 Bambini, z.B. Hermann IV.
  2. Hermann III. Sindaco di Soest, i suoi discendenti hanno adottato il cognome di Soest
  3. Teodorico (1166-1198) Colonia Vogt

Metà del 13. Secolo era la sede nobile Rheydt di proprietà della Edelvögte di Colonia, che ha costruito una sede per il secondo figlio primogenito. Dopo la moda dei rispettivi proprietari prese il nome di castello, ma mantenuto le braccia dei suoi antenati: 6 rote Querbalken in oro, solo con un altro casco gioielli, vale a dire una capra rosso con le corna d'oro. Come Rheydt (Official Grevenbroich) è entrato in possesso della Colonia Edelvögte non è nota, dal l'atto di 4. Agosto 1256 si può vedere, che la Colonia Vogt Gerard aveva comprato il mulino. Suo figlio postumo, appare William 1263 come Signore di prua.

1257 è documentata Cavaliere Arnold chiama Elvervelde e questo era un figlio di Hermann IV. 1264 chiamato a causa di una faida con il conte del figlio di Berg Konrad. Konrad von Elverveldt successe al padre nel possesso del feudo Elvervelde. E 'stato anche alto Steward dell'arcivescovo nel castello Hochstaden a Neuss e si faceva chiamare da quel titolo nei trattati di Arcivescovo Engelbert II. con il Comune di Colonia 1264.

Conrad ha lasciato i figli Arnold II. und Burchard. Quest'ultimo Burgmann era il conte Engelbert del marchio in Blankenstein ed è stato 1311 infeudata dal conte con le decime in Herbede. La struttura è rimasta discendenti Burchards, dei quali provengono da tutte le linee di fioritura dei Baroni di Elverfeldt. Arnold II. ereditato dal padre la Lehnbesitz di Elvervelde. Era sposato con Eglatina, una filiale della Colonia Scheffen Rutger Raitze e aveva due figli: Dietrich e Johann, il già 1352 appare come il proprietario del regno di Elvervelde.

Le linee di Elverfeldt a Elberfeld, Hilden Haan, Isenberg, Hamm e montagne:

Arnold I. von Elfi Feldt, Vogt di Elberfeld. In primo luogo appare in un documento dell'arcivescovo Engelbert I. di Colonia in 1224 come testimone e che allo stesso tempo con suo padre Hermann e il fratello maggiore Gerard (era già di età) In 1257 Arnold è menzionato come Cavalieri di Elvervelde e accettato dall'abate come un vassallo e Burgmann sul Castello Isenberg. Arnold ha lasciato molti figli.

Quelle:

facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedintumblr